SULLE DUE RUOTE (nel distretto turistico dei laghi monti e valli)
Questa guida, nata dai suggerimenti degli
utenti della community neveazzurra.org,
pur non essendo esaustiva offre una panoramica
dell’immensa offerta sportiva del
territorio. I percorsi, gli itinerari, le proposte
inserite, da farsi con le due ruote oppure
in alcuni tratti anche a piedi, rappresentano
un primo ventaglio delle innumerevoli
opportunità per trascorrere all’aria aperta
e in maniera attiva una vacanza o anche
solo una giornata sui laghi e sulle montagne del Distretto Turistico.........................................................................................................
................................................................................La presente guida, che fa parte di una collana
di volumi dedicati al turismo attivo, non
costituisce una pubblicazione tecnica né
una guida esaustiva all’escursionismo, ma
unicamente una raccolta di suggerimenti di
itinerari di interesse turistico.
Guida DUE RUOTE_ita_Low.pdf
Documento Adobe Acrobat 5.6 MB
Percorsi ciclabili

Print This Page

Da Arona a Stresa tra i panorami dell'Alto Vergante

Percorsi difficoltà media , Lunghezza percorso Km 21.50; dislivello in mt. 8.

Descrizione dell’itinerario

Ad Arona sulla strada per Stresa, si prende la salita sulla sinistra vicino all’Hotel Concorde. Dopo aver percorso 4 tornanti (1 km circa) si arriva alla statua del Colosso di San Carlo, 32 metri complessivi per la seconda statua al mondo per altezza (il parametro è riferito alle statue visitabili dall’interno). Ci troviamo in questo momento a 297 m slm. Da qui, la prima località da raggiungere è la frazione di Dagnente: dal piazzale San Carlo si seguono le indicazioni per Dagnente/Nebbiuno lungo tutta la via Verbano, per una lunghezza di poco più di 2 km, ricca di curve e saliscendi con una salita finale, fino alla chiesa del paese, di circa 800 metri, immersi tra abitazioni sparse. Passata la piccola frazione iniziano dei facili saliscendi
per i successivi 3 km circa (a un certo punto si incontrerà il cartello stradale che indica l’inizio del comune di “Meina”). Raggiungerete in breve tempo un bivio. Voltate a destra seguendo le indicazioni “Massino Visconti/Nebbiuno”: inizia da qui la Strada Provinciale 34 (del Vergante). Percorrete, sempre dritti, questa strada per 2 km circa e arriverete al comune di Nebbiuno (salite poco impegnative e strade in piano). Proseguite sempre su questa strada per altri 2 km circa: un percorso in discesa vi farà raggiungere il comune di Massino Visconti. Proseguite sempre dritto sulla SP 34 con numerosi saliscendi fino al centro dell’antico borgo. Proseguendo in direzione Carpugnino si passa l’antico Castello di Massino Visconti del XII secolo (ammirerete le sue mura sulla vostra destra). Arriverete ad un nuovo bivio, girate a sinistra in direzione “Brovello/Stresa” (siete sempre all’interno del borgo). Dalla Piazza di Massino Visconti, tenendo sempre la direzione “Brovello/Stresa” si percorrono altri 2 km di salite e discese (ammirate, sulla vostra destra, il suggestivo panorama del Lago Maggiore): raggiungerete in poco tempo il paese di Brovello (siete ora in provincia di Verbania). Andate dritti, sempre sulla SP 34 per altri 500 metri, raggiungendo
la località Graglia Piana. Incontrerete poi nuovi saliscendi: percorreteli per un altro km circa e raggiungerete Carpugnino. Da qui si procede dritti, attraversando proprio il paese. Alla rotonda seguite per Stresa (siete sempre sulla SP 34). Ecco iniziare infine la discesa che dopo 5 km circa vi riporterà nuovamente sul lago, nel comune di Stresa. Percorrerete un tragitto tra boschi e panorami mozzafiato (le Isole del Golfo Borromeo). Le frazioni che incontrerete scendendo sono Vedasco e Binda.

Info

Ufficio Turistico di Arona – Largo Duca d’Aosta – 28041 Arona
Tel. +39.0322.243601 – arona@distrettolaghi.it

Tel. +39.0322.219713 – massino@distrettolaghi.it

Ufficio Turistico di Stresa – Piazza Marconi, 16 – 28838 Stresa
Tel. +39.0323.30150/31308 – stresa@distrettolaghi.it

Ufficio Turistico di Massino Visconti – Via Ing. Viotti, 2 –
28040 Massino Visconti

Mountain Bike

Print This Page

Parco Naturale dei Lagoni

Descrizione dell’itinerario

Partiamo dalla casa degli alpini posta in “ Strà di Lagon ” dopo il campo sportivo Martini. Una salita di 300mt circa porta all’interno del Parco. Entrati nei lagoni, si vede a destra il Lagone principale. La parte iniziale del percorso parte dal campo sportivo Marini in direzione centro
paese. Dopo 400mt si svolta a destra, si imbocca la salita che porta all’interno del parco, si percorre per circa 2,5 km la strada sterrata passando attraverso gli allevamenti di cavalli purosangue. Si arriva nel punto indicato all’inizio, che è il Lagone principale. Si svolta a sinistra e si prosegue diritti fino ad arrivare alla pineta. I percorsi interni alla pineta porteranno fino al 9 km e quindi in prossimità della Cascina Bossi. Seguendo i cartelli fissi che indicano il circuito MTB si attraverseranno ancora gli allevamenti di Cavalli purosangue e i siti archeologici. Lungo il percorso si troveranno le indicazioni che portano Al Sente dik Busc che porta ad Oleggio castello (km 12) oppure seguendo le indicazioni Stra d’la buscarola si arriverà a Comignago. Proseguiamo seguendo i cartelli che indicano il sentiero n° 4 posizionati dall’Ente Parco del Lago Maggiore, si farà ritorno alla strà di Lagon che fara capolinea proprio davanti alla casa degli alpini. Li è possibile fare un piccolo ristoro al circolo interno della sede degli alpini. Si può usufruire del Centro sportivo comunale Dario Andrini (via Federico Tesio - 28040 Dormelletto - NO) contattando la società podistica Arona www.podisticaarona.it

Note

In giugno solitamente si svolge la “Gara della Mezza dei Lagoni”, corsa sulla distanza di 21 km che include anche un percorso di 11 e 4 km.

Info

Parco Naturale dei Lagoni - Frazione Mercurago - 28041 Arona
Tel. 0322 240239 - info@parchilagomaggiore.it - www.parchilagomaggiore.it

Ufficio Turistico di Arona - Piazzale Duca d’Aosta - 28041 Arona
Tel. 0322 243601 - arona@distrettolaghi.it

Cicloamatoriale

Print This Page

Pedalando tra laghi e monti

Percorsi difficoltà : facile; dislivello in mt. 178.00

Descrizione dell’itinerario

La terra compresa tra le montagne dell’Ossola e il Lago Maggiore offre sicuramente possibilità uniche a tutti coloro che desiderano fare sport ed in particolar modo agli amanti della bicicletta. Strade per lo più poco trafficate e paesaggi di rara bellezza trasformano ogni pedalata in un’esperienza ricca di soddisfazione. Ad aumentare le tante possibilità che il
territorio mette a disposizione, i cicloamatori possono sfruttare anche la pista ciclabile che attraversando l’ampio fondovalle collega l’Ossola con la zona dei laghi. Il percorso non è interamente su ciclabile, ma alterna tratti di pista a tratti su strada normale. Anche questi ultimi comunque consentono di pedalare in tranquillità evitando nella maggior parte dei casi i punti trafficati. Si parte da Crevoladossola lungo una strada campestre che costeggia l’argine destro del Toce, si passa a lato della strada statale sul ponte sopra il Torrente Bogna CICLOAMATORIALE I VERBANO / OSSOLA F 24 e si riprende a costeggiare il Toce fino ad incontrare il Rio dei Borghesi. All’altezza del Ponte della Mizzoccola comincia uno dei tratti di ciclabile più lunghi che si sviluppa in mezzo al verde della piana del Toce e ci porta a congiungerci al tracciato nel comune di Villadossola. Da qui si arriva a valle del torrente Ovesca, per continuare il nostro percorso andando a toccare i paesi della Bassa Ossola. Questa parte dell’itinerario si snoda principalmente su strade di campagna, ma anche se non sono esclusivamente riservate alla biciclette, consentono in ogni caso di pedalare piacevolmente in mezzo a campi e prati, mentre ai lati ci farà compagnia il profilo delle montagne che, in maniera quasi parallela al percorso dei ciclisti, sembrano nche loro dirigersi verso la zona dei laghi. E giunti proprio in prossimità
del Lago di Mergozzo troviamo uno dei tratti di ciclabile più lunghi che da Candoglia arriva in prossimità del vecchio campo sportivo di Mergozzo. Proseguendo nella nostra pedalata tocchiamo anche il comune di Gravellona raggiungendo il Torrente Strona da cui ci si può collegare con la pista ciclabile del “Lancone” dell’Ente Parchi e Riserve Naturali del Lago Maggiore, potendo così chiudere la nostra bella gita in bicicletta, in un ambiente unico dalla natura protetta e incontaminata. Questo itinerario non presenta nessun tipo di difficoltà (sebbene il livello di manutenzione dei percorsi possa non essere omogeneo o presentare talora vegetazione nei tratti campestri) ed è adatto a tutti, ognuno può percorrerlo al suo passo, concedendosi il lusso di passare qualche momento in serenità e senza fretta. Sarà sicuramente un’esperienza ristoratrice per il fisico e per lo spirito.

Info

 

Ente Parchi e Riserve Naturali del Lago Maggiore
www.parchilagomaggiore.itinfo@parchilagomaggiore.it

Mountain Bike

Print This Page

Sentiero Blu del Mottarone

Percorsi Difficoltà media; Dislivello in mt. 1500.00;

Durata percorsi da 1 a 3 ore.

Descrizione dell’itinerario

Una volta parcheggiata l’auto in zona Piazzale Lido a Stresa dirigetevi verso la stazione della funivia. In 20’ raggiungerete la stazione in cima al Mottarone (m. 1385 s.l.m.). Da qui ha inizio la vostra escursione. Una volta sul piazzale della funivia prendete la strada sterrata che vi trovate di fronte lasciandovi la seggiovia sulla destra. Terminato lo sterrato svoltate a sinistra in discesa sulla strada asfaltata per circa 1 km. Arrivati all’incrocio prendere a sinistra in direzione Stresa, sempre in discesa e su strada asfaltata per circa 3 km. Incontrerete la Fonte Federica una fonte naturale ricca di acqua potabile. Potete fare una breve sosta per riempire la borraccia. In prossimità della fonte Federica lascerete la strada asfaltata prendendo il sentiero sterrato sulla destra. Continuate a seguire il sentiero sino a raggiungere un gruppo di case, oramai disabitate. Da qui si imbocca il sentiero sterrato che passa in mezzo alle case per seguirlo sino all’Alpe della Volpe (m. 1100 s.l.m.). Proseguendo sul sentiero dritto in discesa superate l’alpe e raggiungete un “muraglione in cemento” (contrafforte di un tornante della strada asfaltata Armeno- Mottarone). Qui prendete il sentiero a sinistra imboccando una strada sterrata dapprima pianeggiante e poi in discesa. Terminata la discesa si prosegue sempre dritti per arrivare, dopo ino strappo, a un bel sentiero da cui si gode una meravigliosa vista sul Monte Rosa. A questo punto abbandonate il sentiero fino ad ora seguito per imboccare quello verso il Monte Falò posto a sinistra. Proseguite sempre dritti fino a raggiungere una strada sterrata. A questo punto, lasciandovi il Monte Falò sulla sinistra, imboccate la discesa in direzione Coiromonte. Proseguendo sempre diritto attraverso un bosco incontrerete un breve tratto di strada asfaltata. Proseguite diritto in discesa fino ad incontrare la circonvallazione Gignese-Armeno. A questo punto si svolta a sinistra. Dopo pochi metri svolta ancora a sinistra lasciando l’asfalto ed imboccando il sentiero sterrato che porta al campo sportivo. Proseguendo sul sentiero incontrerai una cappella votiva. Alla cappella vai a sinistra, in discesa. Dopo circa 1 km svolta a destra seguendo i segni rossi posti come indicazione sulle piante. Sempre dritto per circa 1 km. e poi ancora a destra in discesa. Seguire la strada fino a raggiungere nuovamente la strada asfaltata. Imboccatela in direzione Stresa. Arrivati alla deviazione per Baveno-Levo lasciate la strada che state percorrendo e svoltate a sinistra in direzione Levo. Superate l’abitato di Levo in direzione Baveno. Dopo 3 km. circa, in prossimità dell’abitato di Someraro, svoltate a destra verso Stresa.

Note

Terreno: asfalto 9 km, sentieri e sterrati 15 km.

Info

 

Ufficio Turistico di Stresa: Piazza Marconi 16 - 28838 Stresa
Tel. 0323 30150 / 31308 - stresa@distrettolaghi.it