Mottarone URL della webcam


Immaginatevi di vedere in un sol colpo d’occhio i laghi Maggiore, d’Orta, Mergozzo, Biandronno, Monate, Comabbio e Varese; gli appennini e le alpi dal Col di Tenda fino all’Adamello passando attraverso Monviso, Monte Bianco e Monte Rosa. Stupitevi, siete al Mottarone!

Facilmente raggiungibile da ogni direzione, vicino a Milano e Varese, il Mottarone con i suoi pendii dolci privi di pericoli e le piste a innevamento programmato, è la palestra naturale ideale per fare pratica

Cenni storici

La tradizione sciistica del Mottarone risale alla prima metà del secolo scorso. Il 18 Gennaio 1935 fu disputata la prima gara internazionale di sci organizzata dallo Sci Bob Club del Mottarone. La gara non fu solamente un vanto della nostra località ma un passo importante per tutto lo sci nazionale: era la prima gara di slalom gigante in Italia, enfaticamente denominata (visti i tempi) "Coppa del Duce". Per l'occasione fu anche costruito un trampolino di salto, una vera rarità per allora.
Nel 1940 venne realizzata la prima "slittovia". Si trattava di un primo rudimentale impianto di risalita costituito da una slitta di legno, trainata da una fune d'acciaio, che percorreva un tracciato di circa 520 metri. Per tutti gli affezionati era "lo slittone".
Il 7 settembre 1911 venne inaugurata la ferrovia a cremagliera che collegava Stresa alla vetta del Mottarone. In un'ora e dieci minuti, come citano le cronache dell'epoca, il trenino arrivava alla stazione del Mottarone, fra l'entusiasmo generale. Per molti anni la ferrovia fu il mezzo più sfruttato per raggiungere la vetta fino a quando, nel 1963, venne definitivamente smantellata per lasciare il posto all'attuale 

La montagna dei 2 laghi

"La montagna dei due laghi", così viene detto il Mottarone, per la sua particolare posizione da cui si può godere di un panorama davvero suggestivo, che abbraccia sia il Lago Maggiore che il Lago d’Orta.

Da Stresa si può usare la funivia per arrivare, in pochi minuti al Mottarone, il tragitto dura circa 30 minuti;
Ci si può anche fermare alla stazione intermedia dell’Alpino, dove è possibile ammirare il giardino botanico "Alpinia", all’interno del quale, in un’area di 12.000 metri quadrati, si trovano piante alpine e attrazioni botaniche di rara bellezza. Dall’Alpino si può inoltre raggiungere il Mottarone in un paio d’ore di cammino, seguendo la strada asfaltata o seguendo i numerosi sentieri segnalati sterrati.

 Mottarone: 21 km di piste e di sano e puro divertimento sulla neve.
Inoltre al Mottarone troverete molti divertimenti anche estivi: super tubby, Palestra di roccia naturale, escursioni in mountain bike e molto altro.